• Pubblicata il
  • Autore: Gianfranco
  • Categoria: Racconti orge
Il programmatore - Sassari Trasgressiva
  • Pubblicata il
  • Autore: Gianfranco
  • Categoria: Racconti orge

Il programmatore - Sassari Trasgressiva

Vivo ad Enna e faccio il programmatore. Il mio lavoro consiste nel trovare soluzioni informatiche alle varie richieste che mi chiedono alcune aziende. Solitamente mi contattano, ci incontriamo presso la loro azienda, mi illustrano il loro sistema operativo e quello che desiderano fare per migliorare l’operato. Giro tutta la Sicilia, le città in cui mi soffermo di più perché ho molti clienti sono: Agrigento, Caltanisetta, Catania e Enna. Trovo tantissime situazioni di vita strane particolari e uniche. Incontro e conosco molte persone, fra queste ho conosciuto Giuseppe, un boys tube di Catania. Su Catania sono rimasto 15 giorni, in questi giorni con lui ho visitato la città e conosciuto altri suoi amici e amiche interessanti. Fra queste ho incontrato una bellissima girls tube, Donatella. Io , Giuseppe e Donatella abbiamo iniziato un rapporto di amicizia, sembravamo i 3 Moschettieri. Poi una sera fra una bevuta, un giro e una pizza ci ritrovammo tutti insieme a casa di Donatella, dove ci presentò Alice, una sua amica. Anche a lei splendida ragazza una chiacchiera e l’altra ci siamo ritrovati tutti e quattro, con molta spontaneità e tranquillità, nudi per casa. E da lì è incominciato tutta la cosa, una cosa nuova, un’esperienza nuova ma comunque stupenda. Si è creata un’intimità tale che è esplosa in un’orgia di gruppo. Me l’ero sempre immaginata in modo diverso e nel viverla sono rimasto stupito piacevolmente. Insieme abbiamo iniziato a masturbarci uno con l’altro, poi essendo novello della cosa ho atteso che qualche altro prendesse l’iniziativa e come sempre le ragazze hanno una marcia in più. Di conseguenza mi sono ritrovato col viso fra le gambe di Donatella e le mani di Alice sul mio cazzo, mentre Giuseppe se la inculava. E’ continuato il tutto per qualche ora e tutti quanti abbiamo goduto varie volte. Poi come se nulla fosse ci siamo mangiati qualche cosa insieme, poi ognuno è andato per la sua strada. Io sono sempre abituato a programmare tutta la mia giornata e questo cambio di direzione mi ha portato nuove emozioni e nuove trasgressioni, in modo tale da rendermi consapevole che è inutile programmarsi le cose perché tutto può succedere e tutto può cambiare anche in meglio.

Vota la storia:




Iscriviti alla Newsletter del Sexy Shop e ricevi subito il 15% di sconto sul tuo primo acquisto


Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali come previsto dall'informativa sulla privacy. Per ulteriori informazioni, cliccando qui!

Non ci sono commenti

Per commentare registrati o effettua il login

Accedi
Registrati